Vai al contenuto

Terranova Nadia

Gli anni al contrario

(1 recensione del cliente)

10.45Amazon.it prezzo: 10.45 (dal 19/07/2021 16:58 PST- Dettagli)

Messina, 1977. Aurora, figlia del fascistissimo Silini, ha sin da piccola l’abitudine di rifugiarsi in bagno a studiare, per prendere tutti nove immaginando di emanciparsi dalla sua famiglia, che le sta stretta. Giovanni è sempre stato lo scavezzacollo dei Santatorre, ce l’ha con il padre e il suo «comunismo che odora di sconfitta», e vuole fare la rivoluzione. I due si incontrano all’università, e pochi mesi dopo aspettano già una bambina. La vita insieme però si rivela diversa da come l’avevano fantasticata. Perché la frustrazione e la paura del fallimento possono offendere anche il legame più appassionato. Perché persino l’amore più forte può essere tradito dalla Storia. «Non abbiamo mai usato lo stesso dizionario. Parole uguali, significati diversi. Dicevamo famiglia: io pensavo a costruire e tu a circoscrivere; dicevamo politica: io ero entusiasta e tu diffidente. Io combattevo, tu ti rifugiavi. Se non ci fosse stata Mara ci saremmo persi subito, ma almeno non avremmo continuato a incolparci per le nostre solitudini. Quando penso agli anni trascorsi mi sembra che siano andati tutti al contrario».

Nadia Terranova

Formato libro: Cartaceo
Categorie: ,
Autore

Città autore

Formato libro

Cartaceo

Ambientazione

Casa editrice

Prima pubblicazione

Premi

, , , , , , ,

1 recensione per Gli anni al contrario

  1. maristellavitali

    Una storia d’amore vissuta a Messina negli anni ’70. L’altra faccia della medaglia degli anni di piombo. Una bambina sperimenta infatti, sulla propria pelle, come quel “privato è politico”, slogan urlato nelle piazze, si fosse trasformato in un politico che aveva distrutto il suo privato, stravolgendo la propria infanzia e la propria vita.
    Un padre assente, immerso nel delirio di voler cambiare la società con la lotta armata, la solitudine di una bambina e gli errori di una generazione che aveva fatto degenerare i propri sogni di cambiamento in violenza e in quella che è stata una tragedia nazionale.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy.

Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”, chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Close Popup